domenica 20 gennaio 2013

facciamo il punto 2.0

E veniamo al film. Ci eravamo lasciati a questo punto. Ma negli ultimi mesi, tra la riproposizione di qualche vecchio post in questo spazio e il perenne, infinito lavorio di limatura sul nuovo romanzo che s'attarda, Uomini e cani è entrato ufficialmente nella sua fase più calda, fase che, evidentemente, toccherà il suo zenit il 25 maggio, con lo start del riprese.
Dopo una lunga e laboriosa selezione e una successiva (estenuante) trattativa, infatti, il cast ha preso forma, per lo meno nella sua composizione più basica, quella dei personaggi principali (non tutti, ma una buona parte: ché trattasi di storia corale e quindi la squadra è numerosa). Ci è ancora vietatissimo rivelare i nomi al centro del progetto - per quello bisognerà aspettare il comunicato ufficiale della produzione, cosa che avverrà non prima di un paio di mesi ancora - però possiamo con tutta certezza affermare che Nico, il guardiacaccia che nel libro rappresenta un po' il trait-d'union tra le decine di esistenze che intrecciano la storia, sarà impersonato da un attore di grande rilievo nazionale. Un prestigioso interprete nostrano il cui lavoro ha già, in qualche maniera, toccato luoghi e tematiche similari a quelle trattate nel romanzo. E del cui coinvolgimento ci sentiamo entusiasti (nonché onoratissimi, s'intende) (curiosi nevvero? I apologize, nun pozzu parlàri).
A fargli da sponda due attori affacciatisi da meno tempo sulla ribalta, ma sulla cui efficacia interpretativa non nutriamo alcun dubbio: il veterano Buba e il giovane sindaco Enrico, infatti, due figure assolutamente portanti nell'economia della storia, sono state affidate - con grande soddisfazione del vostro affezionatissimo - a una coppia di professionisti davvero talentuosi, gente che ha calcato con successo set importanti (anche televisivi, ammesso che questa precisazione aggiunga più che togliere in termini di curriculum, considerando il livello produttivo della tv italica) e che non mancherà di imprimere al progetto un decisivo valore aggiunto.
A Sputazza, che sulla pagina scritta è un personaggio scarnificato e dolente, presterà invece il volto un caratterista italiano solitamente meno sulfureo, magari meno noto al pubblico rispetto al resto della truppa (uno che a vederlo sullo schermo si finisce inesorabilmente per dire «ehi, ma questo è quello che ha fatto… aspe', come si chiamava?») ma dalla caratura artistica indubbia. Siamo sicuri - per averlo conosciuto e apprezzato di persona - che saprà dare alla sua versione del personaggio la giusta intonazione grave e sofferta, ma con quel pizzico di levità che gli è consona.
E poi ancora Santo Minghella, il maggiore dei fratelli redneck cui nel romanzo tocca il compito di tenere alto il tasso di violenza e distruzione, un personaggio che ha trovato finalmente una faccia e che - chi scrive è pronto a sottoscriverlo col sangue - darà agli amanti del western-noir un nuovo motivo per sperare in una qualche rinascita del cinema di questo tipo. Se non vi farà paura uno con quei tratti, non c'è scampo: il cinema di genere non fa per voi!
Poi, ovviamente c'è il resto. Stiamo cercando una Milena che sia seduttiva e dolce al contempo, un Pietro Lu Sorgi che non risulti fasullo e caricaturale e un Don Titta dal giusto gradiente di crudeltà gattopardesca. Tutti nodi che ci auspichiamo di risolvere al più presto. Per intanto vi mostriamo qualche altra foto direttamente dall'album della scout-location (lo so, fa figo chiamare così la ragazza che si occupa di fotografare i possibili set; d'altronde è un lavoro di per sé fantastico: ti metti in macchina e armato della tua Nikon vai a caccia di inquadrature interessanti). Dita incrociate...
Anzitutto l'outback: sembra o no un pezzo del Wyoming?
No, dico, non me lo sto sognando...
Oppure una cosa alla «Children of the Corn» di Stephen King...
Poi c'è la cittadina di Languore, teatro degli eventi, un misto di vari paesi reali della Puglia... (molto «Commissario Montalbano» style, eh?)
Questa è la veduta esterna del Municipio, luogo in cui il protagonista si scontra col Sindaco
Classico corridoio comunale anni '60
Ufficio del Sindaco (o di qualche impiegato coevo)
Burosarilandia...
Questo fa immediatamente «Il giorno della civetta»
Wow, poi c'è ovviamente la Salina, il posto in cui tutto comincia...
Infatti ecco uno scorcio del deposito di sale (chi ha letto il libro già sa)
Al cui interno qualcuno nasconde qualcosa che poi bla bla bla...
Ma la Salina di sera è tipo un dipinto di qualche maestro francese...
Ovviamente il mare nostrum nel film non può mancare...
...e un tocco di Puglia vecchia maniera ;-)

37 commenti:

Anonimo ha detto...

Bestiale! (già detto in altra parte e confermato qui)
Fabio

Anonimo ha detto...

(gasp!) si fa veramente, allora, roba grossa!

A.

Anonimo ha detto...

Vaiii!!!!!!!!!!

Pippo

Pimpi ha detto...

ho i brividi....
(e sempre più voglia di vederli dal vivi, 'sti posti....) :)

Pimpi ha detto...

ops..."dal vivo"
(diamo la colpa agli antibiotici...)

Annalisa ha detto...

Ah, ma che curiosità hai innescato!!

(bellissime, le foto)

sartoris ha detto...

eh grazie a tutti, speriamo bene: io son qui da mesi a recitare mantra, ché il cinema ci mette un attimo, a frantumare impalcature monumentali ;-) (ohmmmmmm, ohmmmmm...)

Gigistar ha detto...

allora rinnoviamo l'imboccallupo!!

E se ci lanciassimo in ipotesi cercando di indovinare questi nomi???

Tu al limite puoi fare acqua fuoco fuochino...

sartoris ha detto...

@Gigi: non posso aiutarti (il regista penso mi evirerà anche solo per questo post;-) però non ti nascondo che sono curioso di sapere chi vi viene e in mente e soprattutto chi ci vedreste nei ruoli principali...

(io di mio posso giusto giocare e dirvi che, fossimo in America, Nico lo avrei tranquillamente fatto "indossare" a uno come un Harrison Ford a 45 anni, oppure a Tommy Lee Jones alla stessa età - non oso pensare a un Rourke a quell'età perché ne avrebbe fatto subito un personaggio devastato e maledetto - cosa che, almeno per ciò che riguarda l'autodistruzione, nell'animo di Nico in fondo ci sta tutta!)

LUIGI BICCO ha detto...

Ehilà, ragazzo, quante belle news. Però adesso anch'io voglio sapere di più di questo "attorone" nella parte di Nico.

Ti dico la mia ma è come se non te la dicessi. Perché io so che c'è un attore che è Nico ma, che peste mi colga, non riesco assolutamente a ricordarmene il nome, né un qualsiasi film che ha fatto (e ho pure cercato sul webbe). Attore italiano, capelli mossi, quasi ricci, naso aquilino, sulla sessantina portati bene. Attore di cinema, ma soprattutto tv e teatro.

Madonnamia, se mi viene in mente giuro che torno qui a dirtelo. Comunque è proprio lui, sarebbe un perfetto Nico, solo che l'attore in questione dovrebbe avere una decina di anni in meno.

Comunque, per tutto il resto, mi fa davvero piacere che il film stia venendo su bene. Grande Omarre!

Gigistar ha detto...

@Luigi: dovessi scommettere, direi che la tua descrizione mi fa venire in mente Fabrizio Bentivoglio.

@Omar: ehehehe, immagino! Vabbé niente fuoco fuochino. Ci butteremo noi. Aspetta che mo' ci penso... uhm...uhm...

Eddy M. ha detto...

Ma bravo! 40.000 parole per non dire un c...o! Bravo!
Vabbé, tanto io qualche robina te l'ho già sfilata. Ma per questa volta l'omertà è d'obbligo.
Posso propormi per interpretare Milena? Dimmi che non farei la mia porca figura!?
XDXDXD
Dai, muovetevi che non sto più nella pelle!

sartoris ha detto...

@Luigi mi sa che c'ha ragione Gigistar, stai pensando a Bentivoglio (che è bravo, anche se ultimamente mi sembra un po' svogliato nevvero?)

@Eddy, avevo pensato a te nella parte di uno dei pitbull :-)))

LUIGI BICCO ha detto...

@ Gigistar e Omar:
Bravissimo, eh, Bentivoglio. Ma non mi sarei mai permesso di essere così scontato. Mi spiace. Dobbiamo rimandare.

sartoris ha detto...

@Luigi ma allora parli di Placido, dai, è Michele Placido suvvia ;-)

Fabrizio ha detto...

Partecipo al toto-protagonista.
Dico Santamaria perchè ha già girato "Fine pena mai" dalle nostre parti.

LUIGI BICCO ha detto...

Eccomi qui. Sono appena tornato a casa e mia moglie, la mia musa ispiratrice, mi ha suggerito su un piatto d'argento, il nome dell'attore in questione. Ho scatenato il totoattore che è un gioco interessante. Comunque non è nemmeno Placido, mi spiace, ma, rullo di tamburi... il grandissimo ENNIO FANTASTICHINI, uno degli interpreti, tra gli altri, del film "Saturno Contro" di Ozpetek.

Dimmi se in questa foto non vedi un bel po' di Nico. Fidati di me, che io lo conosco bene :D

sartoris ha detto...

@Luigi, Fantastichini è, oggettivamente, bravissimo e non credo abbia mai, dico mai, sbagliato un film ;-)

@Fab, già sai ;-)

(ovviamente ognuno degli attori menzionati potrebbe essere quello interessato, ma anche no! - costretto a sviarvi di continuo, se voglio conservare l'integrità del mio apparato riproduttivo :-)))

Anonimo ha detto...

Kim Rossi Stuart?

sartoris ha detto...

@Anonimo: Kim è fantastico, secondo me!

thireos ha detto...

Bellissimo.
In culo alla balena ;>

M.P.

sartoris ha detto...

@Marco P. speriamo che non c... (thanks)

Pimpi ha detto...

che ne dici di Valeria Solarino per il ruolo di Milena?....=)

sartoris ha detto...

@Pimpi: troppo avanti con gli anni, Milena è poco più che ventenne (infatti stiamo cercando tra le girls di quaggiù, sperando di trovarne una brava e bella)(e da sposare;-) (seee, come no?)

Anonimo ha detto...

C'avrei visto quello che impersona il Libano in ROMANZO CRIMINALE (il film) opportunamente ripulito e sistemato da guardiacaccia depresso

sartoris ha detto...

Ah, Favino, certo, potrebbe (non dico) ma anche no!

Sergio Sabato ha detto...

Ciao Omar,
non parteciperò al quiz per paura di azzeccare i personaggi. E’ stato abbastanza emozionante gustare queste primizie della location.
Approfitto dell’ospitalità sul tuo blog per dirti che sono pronto per la presentazione di venerdì pomeriggio a Brindisi. Ti ricordi che ti avevo detto che mi è capitato un esemplare di “Uomini e cani” in cui mancano una trentina di pagine? Ebbene ho deciso di non chiedere la sostituzione del volume. Ho sentore che, con la tua firma autografa, un giorno quel libro imperfetto varrà una cifra. Eppoi mi è sembrato un gioco orchestrato dal destino. Questo libro mi ricorda uno di quei ‘buoni’ dei film di Leone che si portano dentro una sublime imperfezione.
Ti prego, già da stasera, di cominciare a studiarti una dedica da consegnare alla storia.
Un abbraccio.
Sergio

sartoris ha detto...

@Sergio, ciao caro, sono pronto anch'io (ne darò notizia domani anche qui sul blog). Per l'edizione "fallata" del libro spero tu abbia ragione ;-) Mi metto al lavoro per la dedica, allora, anche se non sono propriamente il mio forte!!! (a domani)

barbara ha detto...

Madonna che curiosità mi hai messo!!!! Non vedo l'ora di vederlo al cinema!!! ma invece il prossimo libro? Quanto ci farai aspettare ancora???? Sei guarito poi dall'influenza??? Dai dai dai!!!!

sartoris ha detto...

@Barba: mi sono rimesso, certo (il nuovo romanzo è attualmente in stand-by, la pre-produzione mi ha rapito completamente... però sto lavorando a dei racconti, vediamo di pubblicare quelli quanto prima;-)

barbara ha detto...

Bene aspetterò allora!

Carla ha detto...

Tu sai!

sartoris ha detto...

@Carla, stiamo solo aspettando l'ok dal Ministero dei Beni Culturali, teniamo le dita incrociateeeeeee ;-)

Carla ha detto...

break your leg ;) e ricordati di me!

[emo] ha detto...

Non.Vedo.L'ora.

sartoris ha detto...

@Emo grazie, speriamo bene (abbiamo trovato tutti gli attori principali intanto: sia Pietro l'eremita che Milena, e anche Don Titta, ora bisogna solo pregare ;-)

[emo] ha detto...

Da ateo, straprego laicamente e faccio il tifo sempre.