martedì 10 luglio 2012

il lungo addio...

[ti ho visto andare via senza troppo rumore, com'era nel tuo stile. E ho gioito, perché finalmente avevi vinto tu: hai gabbato le tonnellate di farmaci, le sedie a rotelle, i lacci emostatici, le visite specialistiche, le soluzioni endovena e tutto quanto aveva zavorrato i tuoi ultimi due anni. Vai mamma, torna a sorridere]

37 commenti:

Clara ha detto...

Un abbraccio forte, Omar. Sono sicura che ora tua mamma sorride.

Silvia ha detto...

Un abbraccio forte, caro Omar. Ti sono vicina con il cuore.

Anonimo ha detto...

Mi hai fatto ricordare la mamma perduta a undici anni. Allora posso dirti che ti mancherà e ti sosterrà allo stesso tempo.
Fabio

sartoris ha detto...

grazie ragazzi, sono felice che ci siate anche voi...

Anonimo ha detto...

Ho perso papà qualche giorno fa; comprendo il tuo dolore. Non riesco ad aggiungere altro
Valter

LUIGI BICCO ha detto...

Mi piace l'idea di un posto dove si possa tornare a sorridere, si.
Anche se non ti conosco personalmente, un abbraccio davvero sincero anche da parte mia, Omar.

Ugo M. ha detto...

So cosa vuol dire e ti sono vicino. Dopo un po' quello che rimane sono proprio i ricordi sorridenti.

sartoris ha detto...

@Luigi Bicco: apprezzo molto le tue parole grazie...
(mi spiace tu abbia scoperto questo blog proprio nella pausa estiva, vedrai che nei prossimi mesi il nostro scambio sarà proficuo;-)

@Valter: tutto il mio affetto per te e un abbraccio...

sartoris ha detto...

@Ugo: grazie non ho dubbi su questo: ho vissuto da vicino la sua lunga degenza e ora voglio solo ricordarla come in questa foto di giovinezza che ho postato (sembra una pubblicità anni '50 nevvero? e invece è proprio mia madre)

Ugo M. ha detto...

E' una foto bellissima. Sarà perché ormai mi avvicino al rincoglionimento senile condito da delirio di nostalgia, trovo affascinanti queste immagini che riportano al passato.
Ti abbraccio.

Anonimo ha detto...

Sono con te, Sartoris, col cuore...

Gimmi

sartoris ha detto...

@Gimmi: Thanks a lot!

Anonimo ha detto...

Ieri mattina mi hanno chiamato dal "SUO" telefono di casa (era tua/mia sorella) e sul display del mio telefono è comparsa la scritta - MAMMA. Questo stupido agglomerato di processori e bit è l'unico a credere sinceramente e romanticamente, che lei possa ancora chiamarmi. Dovrò istruirlo sul nuovo ordine delle cose, o forse no, così che talvolta possa informarmi di qualcosa...che invero più non è.
Ciao Sart

sartoris ha detto...

@Anonimo, ma sei mio fratello Gianni? E firmati così ti riconosco...

(anche a me è successo la stessa cosa, e sul mio telefono compare la faccia di mamma da quel numero; vabe', funziona così:-((

Alessandra ha detto...

Abbraccio

sartoris ha detto...

@alessandra: grazie di cuore...

Anonimo ha detto...

cordoglio e affetto...
EL

sartoris ha detto...

@El: grazie mille anche a te

Dario pm Geraci ha detto...

Leggo solo ora..
Condoglianze Omar. Un abbraccio.
D

sartoris ha detto...

@Dario: grazie tante, davvero...

Gigistar ha detto...

Omar, non sapevo, condoglianze sincere. Ti abbraccio.
PS: già, foto splendida.

sartoris ha detto...

@Gigi: e sì, è andata così... (grazie)

Anonimo ha detto...

una prece

sartoris ha detto...

@anonimo: thanks!

Annalisa ha detto...

Una bella foto e una bella mamma.
Chissà che dice, ora, vedendo che ne hai fatto parte con noi.
Secondo me sta scuotendo la testa, e ridacchia e pensa:
"Eccolo lì, lo sapevo che ne combinava una..."
E poi legge i nostri commenti e pensa ancora:
"Ma tu guarda quanto bene vogliono al mio figliolo, quelli lì che nemmeno so chi sono. Allora è proprio un bravo figlio. Son proprio contenta, va'."

sartoris ha detto...

@Annalisa grazie per le belle parole (ah ah, penserebbe proprio qualcosa del genere, credo:-)) (magari sul "bravo figlio" avrebbe da ridire, ma il succo sarebbe quello!)

barbara ha detto...

Ciao caro Omar, sono diventata mamma da poco e ora so che è l'amore più grande. Ti abbraccio e ti seguo sempre.

sartoris ha detto...

@barbara, ti ringrazio molto e ti faccio i miei più cari auguri per la bella notizia :-)))

(non so come mi sento, a poco più di una settimana dal lutto: sono sinceramente contento che mamma non soffra più ma mi ritrovo spesso a constatare che non ho ancora concretizzato il fatto che non sentirò più la sua voce e non chiamerò mai più nessuno "mamma")(che strano, che brutto, che... bhà, il processo di metabolizzazione è lungo e complicato)

barbara ha detto...

La vita è bastarda e crudele soprattutto quando c'è di mezzo una malattia lunga e dolorosa, non sai quanto ti capisco,ancora un abbraccio.

Pegasus Descending ha detto...

Ho letto solo ora Omar, in questi casi non c'è niente da dire. Un abbraccio forte. Davvero.
Andrea

sartoris ha detto...

@Pegasus: grazie Andrea!

Eddy ha detto...

Ciao bello.
Tanti anni fa sono stato toccato anche io dalla grave malattia del mio povero papà. Ti capisco perfettamente, e non trovo nessuna parola per esprimere il dispiacere che provo a leggere questo post.
Un grande abbraccio!

sartoris ha detto...

@Eddy, ricambio l'abbraccio, grazie di cuore...

Anonimo ha detto...

Non lasciarti abbattere e continua il tuo lavoro anche per la tua mamma.
Fabio

sartoris ha detto...

@Fabio: hai ragione, grazie di cuore per l'incoraggiamento...

Anonimo ha detto...

Per esperienza personale ti dirò che la troverai sempre vicina, soprattutto nei momenti più difficili.E' una specie di faro che ti illuminerà verso la strada giusta. Tra l'altro ti sembrerà addirittura di non averla persa e ti troverai, quando sei solo con i tuoi pensieri, a parlarci come se fosse viva. A me capita anche ora che sono diventato un lunatico vecchietto.
Fabio

sartoris ha detto...

@Fabio: è vero, certe volte non mi sento di averla persa... (non credo nell'Aldilà e sono ateo, ma qualche volte mi sento osservato da lei: mi tocca pure rigar dritto: non vorrei mi tirasse le orecchie;-)