giovedì 30 agosto 2012

anteprima nerissima...

Mimino lavora nel cimitero di un piccolo paese della Puglia. Ha appena perso il padre e vive con la madre: un’anziana che soffre di elefantiasi e per questo ha bisogno di cure continue. Un giorno, il custode del cimitero muore in circostanze misteriose, lasciando da solo Mirko, un bambino affetto da un grave disagio psichico. Non essendoci più nessuno a occuparsi del piccolo, Mimino decide di prenderlo con sé. Assistiamo così al comporsi di una famiglia insolita, alla quale si aggiunge Carmela, la prostituta del paese che l’uomo vorrebbe come sua compagna. In questo contesto, Mimino sembra incapace di elaborare il lutto per suo padre. E, costretto al contatto quotidiano con i cadaveri, sviluppa una forma di attenzione morbosa nei confronti di tutti i defunti, che lo porta a profanare i loro corpi. Intanto, fuori dal cimitero, in un Salento gretto e provinciale, il paese è vittima di un antico conflitto tra due uomini di mafia, due fratelli che si rivaleggiano a colpi di auto bruciate, santini e omicidi. A indagare sulla faida, ci sono due poliziotti mandati dalla capitale e destinati ad avere un ruolo nelle vite degli altri personaggi. Pagina dopo pagina, si compone così un romanzo nerissimo, gotico e terribile, ma anche capace di mostrare al lettore speranza, bellezza e grande umanità: una luce sempre presente, anche quando tutto sembra volgere al peggio.

«Con il freddo bisturi della sua penna, Giuseppe Merico aggredisce la materia incandescente dei legami di sangue e dell’abiezione sociale, restituendoci un Sud che è al tempo stesso Archetipo e Rivoluzione. I suoi personaggi sono anime dolenti votate all’autodistruzione, cattivi non per imprinting genetico quanto piuttosto per una indomita vocazione alla sconfitta. Attraverso una lingua asciutta, Merico ci racconta degli angoli neri nascosti sotto le cose, per mostrarcene l’indecifrabile malia».
(Omar Di Monopoli)

Giuseppe Merico è nato nel 1974 a San Pietro Vernotico, tra Brindisi e Lecce, e vive a Bologna. Scrive per la rivista letteraria «Argo», ha pubblicato la raccolta di racconti Dita amputate con fedi nuziali (Giraldi, 2007) e il romanzo Io non sono esterno (Castelvecchi, 2011). Il suo blog è www.scrivoeleggo.com.

Giuseppe Merico
IL GUARDIANO DEI MORTI
Collana Corsari (Perdisa Edizioni)

8 commenti:

Clara ha detto...

Interessante questo scrittore di San Pietro Vernotico ;-)

sartoris ha detto...

@Clara è la lobby pugliese che si allarga :-))))

(Peppe è molto bravo, e in pratica ci siamo conosciuti qua sul blog, come io e te)

Clara ha detto...

Eh eh, la lobby pugliese, mi piace ;-) a presto

giuseppe ha detto...

ci siamo eh... :)

Fabrizio ha detto...

La puglia? ah già, quel pezzo di terra che devo attraversare per arrivare a casa:-)))

sartoris ha detto...

...bello sapervi tutti terroni (così confermiamo le dicerie che ci vogliono chiusi e disposti a fare comunella solo tra conterranei:-)))

@giuseppe: ci siamo, vero, in bocca al lupo!

Eddy ha detto...

Oh! Finalmente uno scrittore pugliese che scrive noir! XDXDXD

sartoris ha detto...

@Eddy, fratello, affacciati alla finestra: li vedi quei due bestioni vestiti di nero coi taralli in una mano e un mitra nell'altra? Sappi che ho detto loro di risparmiare la tua famiglia ma te ti fanno il culo;-)))))